martedì 2 aprile 2013

Casatiello con lievito madre

clicca sulle immagini per ingrandirle

Quei giorni dove tutto ti sembra impossibile.
Quei giorni dove soffia il vento e senti i pensieri arruffarsi.
I giorni in cui il passato torna a bussare alla tua porta.
Quello che hai lasciato e quello che hai perso.
Chi è venuto e chi è andato via.
Quei giorni dove il fruscìo delle foglie tra gli alberi ti scava.
Quando non sai su quale punto della terra poggerai il prossimo passo.
Quando sai cosa desideri con tutta te stessa ma non sai come averlo.
Quando vorresti esser sicura di te e invece vacilli.
Quando vorresti esser coraggiosa e invece arretri.
Quando ogni cosa ti riesce male.
Quando hai bisogno degli altri eppure li respingi.
Quando ti cade qualcosa e non riesci a raccoglierla.
Quando una cosa stupidissima ti fa fare un balzo indietro di dieci anni.
Quando sai di non stare facendo la cosa giusta e la fai lo stesso.
Quando il sorriso di qualcuno ti sembra un regalo troppo grande. Immeritato.
Quei giorni in cui respiri a fondo e ti dici "Domani. Devo solo aspettare domani".

In quei giorni così non esistono consolazioni. Ma solo una grande cosa che ci da forza, e che ci caccia da dentro tutta la rabbia e tutta la voglia che abbiamo, in fondo in fondo, di reagire.

Lei, sempre lei: la Musica.

E' stato con questa canzone che ho viaggiato in macchina ieri, sparata a tutto volume: urlata, gridata, sentita, a squarciagola e squarciacuore.

Ve la regalo.


__________________________

La ricetta è di Salvatore del blog "La pasta madre", rivista e riadattata alle mie esigenze.

Ingredienti:

120 gr di lievito madre
400 gr di farina
200 gr di acqua (io 220)
8 gr di sale
140 gr di strutto (io 60 gr)
90 gr di salumi misti a pezzetti
50 gr di formaggio a pezzetti
Pecorino

Procedimento:
  • Sciogliete il lievito madre nell'acqua
  • Aggiungete la farina setacciata, amalgamate e lasciate riposare coperto per 20 minuti.
  • Aggiungete il sale e impastate fino ad incordare l'impasto
  • Aggiungete un cucchiaio di strutto e lasciate incordare ancora
  • Lasciate lievitare l'impasto per due ore in luogo caldo
  • Rovesciate l'impasto su un piano leggermente infarinato e stendetelo a rettangolo orizzontale di fronte a voi. 
  • Prendete lo strutto rimasto sulle mani e accarezzate la superficie dell'impasto, facendo un velo omogeneo.
  • Cospargete di pecorino e di salumi e formaggi a cubetti
  • Arrotolate partendo dal lato lungo e mettete l'impasto in uno stampo a ciambella.
  • Lasciate lievitare coperto per circa 6 ore
  • Pennellate di albume la superficie e portate in forno a 170° fino a cottura.




33 commenti:

  1. Con le parole di questo post sembra quasi che tu mi abbia letto dentro!
    Solo che “quei giorni” stanno diventando settimane che si susseguono una dietro l’altra! Ti rubo una fetta di casatiello per pranzo. Se ripasso più tardi mi sa che non trovo più neanche le briciole!!! Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro mio. Effettivamente sono giorni che si ripetono quelli nostri e diventa sempre più difficile fare resistenza, ma poi so che passano, nello stesso modo in cui vengono. Quindi gustiamoci sto casatiello, alla faccia delle brutte giornate :*
      Ti abbraccio

      Elimina
  2. Michela, questa musica ha praticamente accompagnato tutta la mia vita, in tutte le sue versioni a cominciare da questa dell’autore. Ogni volta che la sento mi vengono i brividi.
    Bellissima e particolare anche la versione di J. Lennon.

    E così, quando ho visto l’iconcina apparire, ho premuto direttamente play senza leggere tutto il resto.
    Non ho cantato a squarciagola, ma mi son fatto assorbire per l’ennesima volta dalla sua melodia, fino a quel canto di sirene di quei violini che ti trasportano su altri lidi.

    E quando sono atterrato cosa ti trovo? Il casatiello!!! :D :D :D

    Quest’anno non l’ho fatto.
    Mi prendo una fetta del tuo che mi sembra più che meritevole!

    Ah, grazie per il regalo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piero, non faccio fatica a crederci, che ti vengano i brividi quando l'ascolti. Io l'ho riascoltata ieri dopo tanto tempo, ed ero in macchina, e me la sono goduta a tutto volume.
      L'attacco è strepitoso, ma anche i violini dopo....una sinfonia meravigliosa e trascinante, solo la musica può fare certe cose.
      Pure io ieri stavo su un altro lido...magari era lo stesso :D sono sicura che ci siamo incontrati lì :')

      Il casatiello, nella mia versione, è un pò più leggero, quindi certamente non paragonabile a quelli "veri", ma mi è piaciuto tantissimo :)

      Baci belli
      Pinotta

      Elimina
  3. io l ho fatto solo con 10 g di lievito naturale ma l anno prossimo voglio provare anche io con il lievito madre....
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lia...spero di intercettare la tua prova del prossimo anno :D

      :))

      Elimina
  4. Domani, è la mia più bella parola, se dici domani, sai che domani sarà, non sai come, ma ci sarà, ed è bellissimo saperlo.
    ecco, per esempio, domani potrei pensare a questo benedetto casatiello, ché l'ho mangiato a casa di una napoletana, fatto da una nonna napoletana, ed era fantasmagorico!
    eh sì, sto con te :)
    bacione beddha mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai tesoro, mi hai fatto venire in mente una cosa. Un flash, così, improvviso. Una poesia molto bella..poi la cerco e te la mando.
      Il mio casatiello non è paragonabile a quelli veri, però è un'ottima variante :)

      Un bacio

      Elimina
  5. Che parole stupende.. le condivido appieno.. e io sto 'aspettando il domani'. Da troppo forse, ma non mi arrendo. Il casatiello con lievito madre l'ho fatto giusto a Pasqua.. è adorabile.. il tuo poi, uno splendore inimitabile! Complimenti cucciola.. TVTTTTTB! E' anche questo 'musica'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fondo aspettiamo sempre un domani, vero Ely? Credere che domani sia migliore ci aiuta a vivere meglio il presente....
      Poi i giorni neri basta saper aspettare che vadano via.
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  6. Michela,hai scelto una canzone bellissima per questo tuo post,e tra l'altro mi ricorda un film a me particolarmente caro,dallo stesso titolo.
    Ho sempre avuto una certa riverenza per il casatiello/tortano,e' spettacolare.Peppino Marotta,che scrisse L'oro di Napoli,disse che il casatiello non si prepara,ma si consegue.
    E' quello che hai fatto tu!
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiiii...anche io sono molto legata al film! L'ho visto tante volte quando ero piccola. Altri tempi, eh? altre storie, altre generazioni.
      Per il mio casatiello sei troppo buona!!! :)))
      Un bacio e un abbraccio dolcezza.

      Elimina
  7. Ciao tesoro :) Innanzitutto auguri, anche se in ritardo... solo ora riesco a passare e mi dispiace... Questa canzone è bellissima, la adoro da sempre... Il casatiello è invitantissimo, piacerebbe anche a me provarci col lievito madre ma per ora uso solo quello secco... dici che va bene lo stesso? Un abbraccio forte e complimenti, buona giornata :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella, augurio in ritardo anche a te :)
      Tu col casatiello giochi in casa, quindi dai tranquilla. Puoi farlo benissimo con il lievito normale, però ti consiglio sempre quello di birra fresco, non quello secco.
      Tanti baci casatielli :D

      Elimina
  8. Grazie per questa stand by me...e grazie per questa meravigliosa ricetta...unico neo ?? Il virtuale..cioè, a volte, vorrei davvero poter allungare le mani, infilarle nello schermo e portarmi via di tutto...ecco, ora, questo desiderio è irrefrenabile :P
    Ti abbraccio Michela :) Un bacio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary bella, lo capisco perché è quello che succede anche a me quando vedo i tuoi tegami di pasta...inarrivabili!!!!! :Q________

      Buoon inizio settimana! :)))

      Elimina
  9. L'ho fatto anche io, l'hai visto? Un bascione grande grande!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patty!!! passo subito a vederlo :)))

      Elimina
  10. In giorni come questo e con questo sottofondo l'unica cosa da fare è lascairsi andare ad un abbraccio. Te ne mando uno fortissimo Michi mia! :*

    RispondiElimina
  11. questo casatiello fa davvero venire voglia di allungare la mano e prenderne una fetta :)
    stand by me serviva anche a me, oggi, grazie Michela!

    RispondiElimina
  12. incredibile come qualche giorno fa il tuo post in cui raccontavi della colomba avrei potuto scriverlo io. e ora incredibile come le tue parole di inizio post rispecchino il mio stato d'animo di questo periodo...
    unica differenza..."Quando,con tutta te stessa, non sai cosa desideri!"...e intanto arriva domani...
    e ieri ero davvero in un lido... e la mia musica è stata il rumore delle onde...impagabile.il mare d'inverno.nessun ombrellone.poche persone.solo mare.
    ma ho anche ascoltato "free love" dei depeche mode, scoperta grazie ad un amico.
    e il mio rifugio in cucina (sì, spesso le mie preparazioni sono anche un rifugio) è stato preparare la pizza con il lievito madre (quello già ben rinfrescato per le colombe, come immagino il tuo per il casatiello)

    intense sensazioni in questo tuo post.

    (e prima o poi farò il casatiello!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mare d'inverno, cara Eleonora. Cosa mi hai fatto pensare. La bellezza sciagurata del mare in inverno...spoglio, poche persone che camminano sulla riva a piedi nudi e un maglioncino sulle spalle, un cane che corre, un bimbo che scappa alla prima spuma...mi hai fatto fare un altro viaggio!
      Si è capito che anche il mio impastare è un piccolo rifugio? :')

      Grazie di avere diviso le tue sensazioni con me :*

      Elimina
  13. Buonissimo il casatiello e bellissima la canzone, grazie, con la piccola malata mi ci voleva proprio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che la tua piccola si rimetta prestissimo Arianna :)

      Elimina
  14. Ehi piccola stella...quei giorni lì sono giorni che ci stanno, nella settimana, nel mese, nella vita, proprio per ricordarti quanto un sorriso, una mano amica che ti raccoglie qualcosa, un abbraccio, una canzone, siano salvifichi per l'anima e per l'oscurità.
    Vengo da te e ti accendo la luce, oltre che la musica. Ti voglio bene tesoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto qualcuno venire ad accendere la luce e mi chiedevo chi fosse...ora lo so <3

      Elimina
  15. E' una continua sfida, un camminare in equilibrio, un capire noi stesse, un cercare... sapendo che è un'altalena perenne, che dopo i giorni "no" arrivano anche quelli "sì"... e il tuo casatiello sorride, non lo vedi come è colorato e allegro? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo vedo lo vedo :) pure io gli ho sorriso mentre lo mangiavo :D

      Elimina
  16. E io ti sorprendo con una frase tratta da un mapazzone di film che però io amo molto..'DOMANI E' UN ALTRO GIORNO' Micky!
    Adoro questa canzone, mi ricorda così tante cose amica...
    Ma intanto non voglio farmi prendere dalla nostalgia..mi prendo una fetta di casatiello và che è meglio!
    Ti abbraccio forte..ma forte forte, capito? Rob y

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roby, sei sempre dolcissima :)))

      Elimina

La vostra traccia rende vivo il mio blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...